Archivi tag: contemplazione

Ci siamo rifatti il look….

Perchè è primavera (anche se non sembra).

Perchè tutto è in continuo cambiamento e anche noi non siamo da meno.

Perchè ci sono grandi novità in arrivo…rimanete sintonizzati…

Qualunque cosa accada

occorre sempre conservare

quello che è dentro i nostri cuori.

fio

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Benessere

Il primo Chakra

Abbiamo già affrontato l’argomento qui, in un’introduzione chiara e semplice. Si fa un gran parlare di chakra ma forse in pochi sanno di cosa realmente si sta parlando.

Dopo l’introduzione è giunto il momento di scoprirli uno per uno, semplicemente e oggi iniziamo dal primo.

Il primo Chakra, detto anche Muladhara in sanscrito è il chakra base, quello legato alla Terra. Dentro di noi è localizzato alla base della spina dorsale, nella zona tra l’ano e gli organi genitali e corrisponde alle ghiandole endocrine surrenali.

Il colore che lo contraddistingue è il rosso e indica come si sente la persona rispetto alle sue energie fisiche, la vitalità.

Un funzionamento eccessivo di questo chakra è causa di un’ossessiva ricerca di soddisfazione materiale e di sicurezza personale, al contrario se la funzionalità del chakra è scarsa si avrà una debolezza fisica ed emozionale che porta a una visione della vita problematica.

Immagine

Lascia un commento

Archiviato in Corpo&Mente

L’Amicizia

amicizia-mani-toscana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Buongiorno e buon inizio di settimana.

In questo blog spesso si parla di benessere, di equilibrio mentale e fisico e di serenità. Abbiamo mille modi per raggiungere questi stati d’animo e mantenerli, massaggi, meditazione, yoga e altre cento cose che spulciando il blog potete trovare…

E il mondo esterno?

Noi possiamo (dobbiamo)  fare tante cose per noi stessi affinchè sia più facile affrontare le amarezze e le spiacevolezze inevitabili nella nostra vita; ma esistono giornate in cui ci sentiamo senza forza, senza la voglia di combattere le difficoltà esterne…quei giorni che si possono riassumere in “quando il mondo è cattivo”.

Spesso, per salvarci da questo “mondo cattivo”  basta semplicemente fare ricorso all’amicizia, una cosa preziosa e indispensabile. L’amicizia può superare molti ostacoli e, non me ne vogliate, dura più di molti amori conclamati. L’amicizia è qualcosa di importante che ti fa sentire importante quindi, se avete un amico (o un’amica) dedicategli questo post.

E non vi sia nell’amicizia altro scopo che l’approfondimento dello spirito.
Poiché l’amore che non cerca in tutti i modi lo schiudersi del proprio mistero non è amore,
ma una rete lanciata in avanti e che afferra solo ciò che è vano.
E il meglio di voi sia per l’amico vostro.
Se lui dovrà conoscere il riflusso della vostra marea,
fate che ne conosca anche la piena.

Gibran

1 Commento

Archiviato in Benessere

Serena Contemplazione…e buon inizio di settimana.

 

Zengetsu, un maestro cinese della dinastia T’ang, scrisse per i suoi allievi i seguenti consigli:
Vivere nel mondo e tuttavia non stringere legami con la polvere del mondo è la linea di condotta di un vero studente di Zen.
Quando assisti alla buona azione di un altro, esortati a seguire il suo esempio. Nell’aver notizia dell’errore di un altro, raccomandati di non imitarlo.
Anche da solo in una stanza buia comportati come se avessi di fronte un nobile ospite. Esprimi i tuoi sentimenti, ma non diventare più espansivo di quanto la tua vera natura ti detti.
La povertà è il tuo tesoro. Non barattarla mai con una vita agiata.
Una persona può sembrare sciocca e tuttavia non esserlo. Può darsi che stia solo proteggendo con cura il suo discernimento.
Le virtù sono i frutti dell’autodisciplina e non cadono dal cielo da sole come la pioggia o la neve.
La modestia è il fondamento di tutte le virtù. Lascia che i tuoi vicini ti scoprano prima che tu ti sia rivelato.
Un cuore nobile non si mette mai in mostra. Le sue parole sono come gemme preziose, sfoggiate raramente e di grande valore.
Per uno studente sincero, ogni giorno è un giorno fortunato. Il tempo passa ma lui non resta mai indietro. Né la gloria né l’infamia possono commuoverlo.
Critica te stesso, non criticare mai gli altri. Non discutere di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato.
Alcune cose, benché giuste, furono considerate sbagliate per intere generazioni. Poiché è possibile che il valore del giusto sia riconosciuto dopo molti secoli, non c’è alcun bisogno di pretendere un riconoscimento immediato. Vivi con un fine e lascia i risultati alla grande legge dell’universo. Trascorri ogni giorno in serena contemplazione.

Lascia un commento

Archiviato in Benessere